Non è possibile vedere certe cose

Ristoratori, e quindi, imprenditori…NON E’ POSSIBILE OGGI vedere ancora certe cose.

 

Non è possibile che ci siano aziende che non mettono in conto nei costi fissi aziendali la voce MARKETING.

 

E non parlo solo di Social. Ma di strategia completa, sia online che offline.

 

È imprescindibile.

 

Eppure se ci fermiamo già all’utilizzo dei social, vedo gente che fa post improvvisati, foto sfocate, mosse, hashtag buttati lì a caso anche quando non servono a nulla (su Facebook ad esempio gli hashtag messi lì a trenino non sevono, lo sapevi?), per poi arrivare ai peggiori, quelli che hanno i social abbandonati, o che sui social dei propri locali condividono di tutto e di più, dalla politica, alle notizie di cronaca.

 

Come si fa a non comprendere che oggi è cambiato TUTTO.

 

Parliamo del PASSAPAROLA ad esempio.

 

Tra le migliori forme di pubblicità. Non c’è dubbio.

 

Ma oggi è un tantino diverso da quello che era già 10 anni fa.

 

Oggi se io consiglio un locale (io persona X non io Baffetto) per quanto la persona a cui lo consiglio possa fidarsi di me, si andrà sempre e comunque, al 99% a farsi un giro su:

 

– TripAdvisor
– Instagram
– Facebook
– Se l’influencer X ne parla e come ne parla
– forse una ricerchina su Google

 

Eh vedi ancora chi TripAdvisor lo usa con i piedi. Con le sole foto dei clienti che spesso sono orrende.

 

Instagram che alcuni dalle nostre parti non lo usano ancora, o se lo utilizzano tutto postano tranne che foto decenti.

 

Facebook senza menu, senza orari, senza belle foto e senza alcuna strategia.

 

Google My Business (e che è?) senza orari, senza info, con foto scandalose.

 

E troppo spesso si tratta di locali che fanno fatica.

 

Eh ma perché la gente si fa tanti problemi prima di andare a mangiare in un posto? Venissero e basta. Mal che vada se non piace, non torna no?

 

NO. Oggi mangiare fuori è diventato molto più normale di un tempo, in cui bastava semplicemente dire ‘sono andato al ristorante’ per sembrar figo.

 

Oggi si mangia fuori quasi ogni sera.

 

E non si vuol rischiare di fare un’esperienza sbagliata.

 

Che non vuol dire necessariamente solo mangiare male.

 

Io posso fare un’esperienza sbagliata già solo se vado in un locale che in quel momento per me non è idoneo.

 

Degli esempi?

 

– Io con mia moglie e bambino di 2 anni. Se so che il locale è ad esempio troppo piccolo, e quindi il bambino potrebbe risultare troppo fastidioso per un tavolo immediatamente vicino, quel locale non fa per me.

 

– Se sono vestito ‘tanto per’ perché magari sono di ritorno da mare, o torno dal calcetto e ho i capelli in scompiglio, non avrò voglia di andare in un posto impegnativo dove sarebbe meglio andare in ghingheri.

 

– Il ragazzo che vuol far colpo sulla ragazza, la porta dove sa che verrà trattata bene e quindi ci sarà un servizio eccellente oltre ad una cucina elegante. Un hamburger non è tanto adeguato per intenderci.

 

– Devo fare una cena di lavoro. Se so che in quel posto hanno la musica a volume alto questo non mi permetterà di parlare con i miei colleghi.

 

– Il Social-dipendente che è in giro con amici e non vede l’ora di fare story su instagram, non andrà mai in un posto dove i piatti non sono fighi e instagrammabili.

 

– Gruppo di amici con amico intollerante/vegertariano/vegano/allergico ecc ecc…vorrà trovare un locale dove il proprio amico non rischi di morire o di restar digiuno nella migliore delle ipotesi.

 

Sono solo alcuni esempi, nei quali, badate bene, non ho parlato della bontà del cibo. Questo per farvi capire che oggi far bene da mangiare non solo è la base, ma NON BASTA.

 

Se sei stanco di arrancare, di cercare di postare qualcosa di interessante sui social ma poi noti che non se lo fila nessuno neanche di strisci…

 

Se sei stanco di notare che l’unica condivisone dei tuoi post è quella che fai tu sul tuo profilo personale, ma soprattutto…

 

Se sei stanco di avere un locale che non ti da più stimoli, perchè hai capito che l’unica tua competenza è far bene da mangiare, e hai compreso davvero che oggi non basta…

 

Se sei stanco che sulla bocca della gente ci siano sempre ‘i soliti nomi’ e però hai capito che non sono stati solo più fortunati di te, ma hanno fatto le cose con un determinato criterio…

 

Contattami per ricevere una consulenza, e capiremo insieme se ci sono le basi per poter migliorare e dar vita ad una nuova identità e soprattutto ad un nuovo ciclo.

 

No Comments

Post A Comment